ALONE AGAIN
(nuovamente solo)

Testi : Gilbert O'Sullivan
Musica : Gilbert O'Sullivan
Arrangiamenti : Gilbert O'Sullivan    
Interprete : Gilbert O'Sullivan

Alone Again (nuovamente solo) sigla apertura episodio 24.
In a little while from now,
If I'm not feeling any less sour,
I promise myself to treat myself
and visit a nearby tower,

And climbing to the top Will throw myself off
In an effort to Make it clear to who-
Ever what it's like when you're shattered,
Left standing in the lurch At a church
Where people, saying "My God,
that's tough, She's stood him up.
No point in us remaining, we may as well go home."
As I did on my own,
Alone again, Naturally.

To think that only yesterday,
I was cheerful bright and gay,
Looking forward to, well who wouldn't do
the role I was about to play;

But as if to knock my down, Reality came around
And without so much, As a mere touch
Cut me into little pieces,
Leaving me to doubt Talk about
God in his mercy, who if
He really does exist
Why did he desert me in my hour of need
I truly am indeed
Alone again, Naturally.

It seems to me that there are
more hearts broken in the world
That can't be mended Left unattended;
What do we do?
What do we do?

Alone again, Naturally.

Now looking back over the years,
And whatever else that appears;
I remember I cried, when my father died,
never wishing to hide the tears;

And at sixty-five years old,
My mother, God rest her soul,
Couldn't understand why The only man
She had ever loved had been taken:
Leaving her to start With a heart
So badly broken,
Despite encouragement from me
No words were ever spoken and when she passed away
I cried and cried all day;
Alone again, Naturally
Alone again, Naturally.

Entro breve tempo,
se non mi sentirò un pò meno amareggiato,
mi riprometto di offrirmi ciò che merito
e di visitare una vicina torre,

e salito in cima ad essa, mi butterò giù
nel tentativo di spiegare a tutti
come ti senti quando sei a pezzi,
abbandonato in una chiesa
dove la gente dice: "Oh mio Dio,
è terribile, l'ha piantato in asso.
Non c'è nessun motivo per restare, possiamo anche tornarcene a casa".
Come ho fatto io.
Di nuovo solo, naturalmente.

E pensare che solo ieri,
Ero raggiante, felice e contento
nell'attesa [del domani], nel ruolo che stavo per interpretare;

Ma come per colpirmi dentro, la realtà mi venne vicino,
e senza troppe difficoltà, come un semplice tocco
mi ridusse in briciole
lasciandomi a dubitare se fosse il caso di parlare
della misericordia di Dio, il quale
se realmente esiste
perché mi ha lasciato da solo nel mio momento di maggior bisogno?
Infatti sono davvero
Ancora solo, Naturalmente.

Mi sembra che ci siano
Troppi cuori spezzati nel mondo,
che non possono essere guariti, lasciati da soli;
Che cosa possiamo fare?
Che cosa possiamo fare?

Di nuovo solo, naturalmente.

Adesso, guardando indietro attraverso gli anni,
e a qualsiasi altra cosa appaia,
ricordo che piansi, quando mio padre morì,
senza mai voler nascondere le lacrime;

E a sessantacinque anni,
mia madre, che Dio accolga la sua anima,
non riusciva a capire perché il solo uomo
che avesse mai amato le fosse stato portato via:
lasciandola sola a ricominciare, con un cuore
così brutalmente straziato,
e nonostante gli incoraggiamenti da parte mia
nessuna parola venne mai detta, e quando lei venne a mancare
io piansi e piansi tutto il giorno;
Di nuovo solo, naturalmente
Di nuovo solo, naturalmente.